PONZA PRIMA MED: hub strategico nel cuore del Mediterraneo. La terza edizione dell’iniziativa inter istituzionale sullo sviluppo sostenibile

pubblicato in: News | 0

Il 26 luglio 2021 si è svolto l’evento internazionale “Sviluppo Sostenibile a Ponza”, realizzato in collaborazione con la Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, la Fondazione PRIMA, il Segretariato italiano di PRIMA, in partnership col Festival Cerealia.

L’iniziativa, che si è svolta in forma ibrida nell’incantevole Piazzetta SS. Trinità dell’Isola di Ponza, è organizzata nel contesto del Festival Cerealia e dell’iniziativa annuale euro-mediterranea inter-istituzionale Ponza Prima-Med 2021, un’opportunità per celebrare l’80° anniversario del Manifesto di Ventotene per l’Europa libera e unita.

Esperti e rappresentanti delle principali istituzioni euro-mediterranee si sono riuniti a Ponza per rilanciare l’appello dei ponzesi alla Regione Lazio dello scorso 12 luglio dalla Villa delle Tortore perché salvi la Villa in disuso da circa 15 anni, e ne autorizzi la trasformazione in un Centro per l’Alta Formazione e Science Diplomacy sulla sostenibilità ambientale, a beneficio di donne e giovani generazioni dell’area mediterranea.    

Nella seconda parte dell’evento, si è tenuta la conferenza internazionale conclusiva del Progetto ALF Ponza Prima Med, con i tre partner Capofila ALF rispettivamente della Rete italiana, egiziana, e palestinese, per presentare le tre best practice agro-alimentari sullo sviluppo sostenibile.

Luigi Di Maio, Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale

L’evento ha visto la partecipazione del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, in collegamento da remoto che ha dichiarato: “La dimensione multilaterale euro-mediterranea, poi ampliata e istituzionalizzata nel quadro dell’Unione per il Mediterraneo, riveste oggi più che mai una centralità indubbia: l’Italia, per proiezione geografica e storica, ha una visione del Mediterraneo allargato olistica ed inclusiva“. 

Nutriamo un senso di appartenenza a una casa euro-mediterranea comune, che supera la logica delle Due Rive. Il Mare Nostrum è una piattaforma di connettività tra Europa, Africa e Asia, con un potenziale di crescita immenso, potenziale che è frutto del contributo di identità collettive molteplici e della società civile” ha aggiunto il ministro congratulandosi per la realizzazione del progetto Villa delle Tortore, presentato per l’occasione.   

La riabilitazione e trasformazione della Villa in un ‘Centro euro-mediterraneo di alta formazione e science diplomacy’ sullo sviluppo sostenibile, incarna davvero la visione di un futuro di pace, integrazione e sviluppo per il Mediterraneo, visione che contraddistingue questa rassegna“, ha spiegato il responsabile della Farnesina sottolineando che “Ponza Prima-Med è un’iniziativa ambiziosa, che si pone prima di tutto nel solco degli sforzi per la valorizzazione del Mare Nostrum, ed è in linea con la strategia di collaborazione regionale che  l’Italia promuove nell’ambito di Unione Europea e Unione per il Mediterraneo“.  E’ “un’iniziativa che collega due aspirazioni: quella di Altiero Spinelli a una ‘casa comune europea’ e l’aspirazione, delineata nella Dichiarazione di Barcellona, a un partenariato tra le due sponde del Mediterraneo“, ha aggiunto il ministro.

Di Maio ha inoltre ribadito che, al di là delle crisi, serve una ‘Agenda positiva’ al centro della quale “c’è la tutela e la gestione condivisa, da parte dei Paesi rivieraschi, dei ‘beni comuni mediterranei’: mi riferisco alla transizione verde, all’economia blu, la ricerca e innovazione digitale, la diplomazia scientifica e culturale, i flussi migratori, la salute. Questi ambiti di collaborazione – gli stessi che Ponza Prima-Med si prefigge di approfondire – sono la chiave per rendere il Mare nostrum più coeso e interdipendente“.

 

La registrazione dell’evento è disponibile al link : https://facebook.com/events/s/sviluppo-sostenibile-a-ponza/1226515507809942/

Condividi